Passa ai contenuti principali

L'inarrestabile escalation dei freelancer, l'arte di arrangiarsi sbarca in massa sul web

In attesa che venga coniato un nuovo termine per designare l'insieme di quei fenomeni come la share economy piuttosto che la gig enonomy, la chiamerò provvisoriamente self employed economy o freelance economy (ma anche DIY economy potrebbe essere azzeccato, perlomeno è sintetico).

In parte mi fa pensare all'arte di arrangiarsi, già ben affermata anche prima dell'avvento di internet. Nell'arte di arrangiarsi però, chi ne era artefice, possedeva veramente l'indole del libero professionista e comunque non mancava di ingegno. Ora invece questa impressionante massa di individui, che a seconda dei casi possono essere chiamati freelance, liberi professionisti, precari, disoccupati,.. è in qualche modo convogliata in branco all'interno di ambienti virtuali dove mettere a disposizione di altri le proprie skill, i propri prodotti o i propri beni. Questo naturalmente facendo di tutta l'erba un fascio, perché esistono sempre le mosche bianche che magari diventano quelle che dirigono il branco.

Fatto sta che il fenomeno della DIY economy cresce esponenzialmente coinvolgendo una percentuale sempre più importante di lavoratori da un lato e di imprenditori, aziende e semplici individui dall'altro. La forza travolgente di questa crescita ha come propulsore la diffusione di numerose piattaforme web che consentono di mettere in contatto domanda ed offerta in un terreno estremamente fertile per il loro sviluppo: esiste la tecnologia adatta (internet, web, cloud, etc), una domanda lavorativa che si è spostata verso ambiti che ben si prestano a questo nuovo approccio (sviluppo software, content marketing, etc), una enorme massa di individui disponibili (freelance, precari, disoccupati, etc) e sempre più persone e datori di lavoro che ne sanno sfruttare i vantaggi (ottimi risultati e minimo impegno).

Catalogare le varie sfaccettature di questo fenomeno è quasi impossibile. Sul fronte della gig economy esistono piattaforme come Upwork, Freelancer, Peopleperhour dove le prestazioni lavorative spaziano tra gli ambiti più disparati (realizzazioni di modelli 3D, grafica, editing video, sviluppo software, traduzioni, scrittura, virtual assistant, etc): piattaforme più dedicate per la scrittura di contenuti e traduzioni (Textbroker, TextmasterGenko, etc); piattaforme come Mturk che richiedono l'esecuzione di micro task come la ricerca di indirizzi, ricerca immagini, etc.

E' poi, e qui siamo nella share economy, esiste il mondo di Uber dove autisti privati si rendono disponibili come taxisti, di Blablacar per condividere un percorso in auto, di Turo per dare in affitto la propria auto, di Airbnb che consente di dare in affitto una camera o appartamento,  di TaskRabbit dove offrirsi per prestazioni lavorative, di Jamendo per vendere la propria musica, di Etsy dove è possibile vendere i propri prodotti artigianali ed opere d'arte,...

Il web suggerisce anche altre strade per guadagnarsi la pagnotta da freelance che vanno dall'aprire un blog con i suoi adsense, le affiliazioni, gli infoprodotti; i sondaggi retribuiti (e qui si tratta più che altro di briciole), il forex e le azioni binarie (qui invece c'è il rischio che la vostra pagnotta sia divorata da qualcun altro), i vari Lionbridge, Appen, Leapforse, iSoftStone,...

Naturalmente non bisogno scordare che anche i vari Indeed, Monster, Subito, Kijiji offrono la possibilità di lavorare come freelance ed anche di vendere i propri prodotti/servizi ma si tratta di approcci più tradizionali (potenziati dal web) di incontro tra domanda/offerta e non espressamente dedicati al popolo dei liberi professionisti.

Una peculiarità di questo fenomeno è che la forza lavoro, un tempo maggiormente impiegata all'interno di fabbriche ed aziende come dipendenti ora (per una percentuale che nei prossimi anni potrà raggiungere fino al 30%) è costituita quasi essenzialmente da singoli individui imprenditori di se stessi. E' il boom dei freelancer, della libera professione, certamente reso possibile da un contesto tecnologico ideale.  Per l'entità dei numeri ci riguarda da vicino e, se da un lato costituisce una seria opportunità di lavoro e per molti anche accontenta la propria vocazione di lavorare per se stessi e magari da casa, è un mondo pieno di insidie. Ed è quasi scontato che sia così, trattandosi di un mondo lavorativo nuovo, senza regole e tutele, con una forza lavoro enorme ma disconnessa e pertanto senza forza contrattuale. Proprio questa peculiarità di essere individui soli che si avventurano in questo mondo senza poter contare sull'esperienza lavorativa di colleghi o di contesti lavorativi consolidati e rappresentati (come fabbriche ed aziende convenzionali) è facile incorrere in vere e proprie truffe o comunque in lavori di scarsa o improbabile profittabilità. Occhi aperti dunque!


Commenti

Post popolari in questo blog

Smaltimento acque reflue - fossa Imhoff e subirrigazione

Le case in campagna difficilmente possono usufruire dell'allacciamento alla rete fognaria e devono provvedere autonomamente alla realizzazione di un impianto di depurazione a norma di legge che tratti opportunamente le acque reflue.

La pratica più diffusa è di convogliare tutti gli scarichi ad una fossa Imhoff collegata ad un impianto di subirrigazione. La norma prevede inoltre che gli scarichi delle cucine, prima di entrare nella Imhoff siano intercettati da pozzetti sgrassatori.
Foto: pozzetti sgrassatori (mancano ancora le tubazioni in ingresso!)

Le fosse Imhoff sono costruite generalmente in polietilene e sono composte da una vasca principale detta digestore (dove avviene la fermentazione anaerobica - processo biologico) e da una seconda vasca, posta all'interno della prima, detta sedimantatore (processo fisico).
Foto: fossa ImHoff

Come calcolare il volume di una fossa ImHoff?
La dimensione (il volume) delle fosse imhoff si basa sul numero di Abitanti Equivalenti (AE) tenend…

La potatura dell'olivo - potatura di produzione

Nella potatura di produzione degli olivi ci sono due obiettivi fondamentali:
mantenere la formaavere prodotto Qui in Toscana le piante sono allevate a vaso con tre o quattro branche principali.


Personalmente preferisco contenerne l'altezza attorno ai 4-5 metri. In questo modo buona parte della potatura e della raccolta può essere fatta da terra e comunque non è necessario utilizzare scale alte a vantaggio della sicurezza. Un tempo si preferivano piante più alte per ricavarne legna da ardere e per evitare che il bestiame rovinasse le fronde più basse.
In generale la pianta và dimensionata per il nutrimento disponibile.

Nella foto sotto mostro un oliveto abbandonato ed improduttivo. La vegetazione è solo in alto.


Ciò accade anche dopo una gelata, un'incendio o semplicemente quando la pianta èinfestata dai rovi. In questo caso converebbe forse tagliare la pianta al piede ed allevare i polloni.
In ogni caso ogni 15-20 anni una pianta può essere tagliata al ceppo per ringiovanirla.…

Quanto rende un uliveto

Quest'anno, qui in Toscana, la raccolta delle olive non è stata così abbondante come l'anno scorso. I più lamentano un calo di circa il 50%. Si tratta di dati non rigorosi appresi dal vicinato e da qualche "chiacchiera da frantoio".
Con la raccolta e frangitura delle olive oramai al termine è anche il momento di bilanci. Naturalmente in questa analisi considererò dei dati medi relativi all'area delle Colline Pisane ed ipotizzando la gestione di un piccolo appezzamento di terreno a gestione familiare in regime di coltivazione biologica. Per grandi coltivazioni le cose sono assai diverse.

Torniamo allora al nostro piccolo uliveto e visto il periodo iniziamo i nostri ragionamenti a partire dalla raccolta eseguita in modo tradizionale a mano. In media da un albero si ricavano 15 kg di olive.In una giornata si raccolgono circa 90 kg di olive, circa 6 piante.Con queste ipotesi, nel periodo di raccolta, che và dal 15 ottobre al 15 dicembre, per un totale di 60 giorni di …

Trattamenti dell'olivo

Dei veleni non vorrei parlarne ma è tuttavia necessario conoscere il loro modo di agire per comprenderne le implicazioni ed i pericoli.
Quando, per contrastare la mosca dell'olivo, si trattanogli olivi con i veleni si colpisce la larva (trattamenti larvicida), non le uova e tantomeno la mosca. Il problema è capire se la larva è viva. In questo caso è il momento di trattare, sempre che non si voglia raccogliere a breve!

Per analizzare le olive e l'eventuale presenza di larve si può utilizzare una lente da filatelico.

I prodotti ad elevato potere di citotropicità, penetrano molto all'interno del frutto, in profondità. La larva muore perchè mangia la polpa avvelenata.
Un altro parametro da tener presente è il tempo di carenza (mediamente 30 giorni). Bisogna attendere il tempo di carenza prima di raccogliere perchè al di sotto di questo tempo il veleno risulta ancora attivo, per noi! Per la mosca, o meglio per la larva, ciò che conta è la capacità di essere attivo (mediamente…

Cassetta Geberit, un rompicapo idraulico

Oggi ho avuto un incontro ravvicinato con la cassetta Geberit. Si chiama così uno dei più eleganti e funzionali sistemi di risciacquo. Per chi non la conoscesse sto parlando dello sciacquone del WC, così come lo abbiamo sempre chiamato, in modo chiaro ed efficace, da alcuni secoli a questa parte.

Tornando alla Geberit, dopo 5 anni di impeccabile servizio, questa mattina ha iniziato a perdere, o meglio a lasciar scorrere un rigagnolo d'acqua senza interrompersi come avrebbe dovuto.

Il modello in questione è la Geberit Unica con i due pulsanti che permette fra l'altro di ridurre i consumi di acqua. Armato di cassetta degli attrezzi ho iniziato a smontare la mascherina. Sotto la mascherina si trovano ancora alcuni elementi da rimuovere, una placchetta ad incastro che blocca le due levette che azionano il risciacquo, poi una piastrina su cui è incollato un foglietto con le istruzione ed il telaio. Le istruzioni, relative allo smontaggio appena descritto, sono una sequenza di vign…